Informativa

Truffa on line

27
Ott
Truffa on line
Truffa on line
  • Calogero Boccadutri
  • 0 Views
  • 1 Comment
  • No tags

Truffa on line.

Internet è un modo utile per raggiungere un pubblico di massa senza spendere tanto tempo o denaro. Un sito web, un messaggio on-line, o “spam” e-mail possono raggiungere grandi numeri con il minimo sforzo. E’ facile per i truffatori rendere i loro messaggi reali e credibili e, a volte invece, è difficile per gli investitori capire la differenza tra realtà e finzione. Ecco perché si dovrebbe pensare due volte prima di investire denaro online per non cadere troppo facilmente in una truffa on line. Ecco alcuni modi in cui gli investitori possono essere vittima di una truffa on-line:

Newsletters investimento

Mentre alcune legittime newsletter on-line possono contenere informazioni preziose, altre sono strumenti per frode. 
I promotori fraudolenti possono offrire consigli imparziali in newsletter, diffondendo false informazioni per promuovere azioni senza valore.

Bacheca online

Le Bacheche online sono un modo per gli investitori di condividere le informazioni. Mentre alcuni messaggi possono essere veri, molti risultano essere fasulli o addirittura posso essere una truffa on line. I truffatori possono utilizzare discussioni on-line per raccomandare una società o per fingere di rivelare informazioni “privilegiate” sui prossimi annunci, nuovi prodotti, o contratti lucrativi. 
Non si può mai sapere con certezza con chi hai a che fare, perché molti siti permettono agli utenti di nascondere la loro identità. Le persone che affermano di essere osservatori imparziali possono effettivamente essere addetti ai lavori, grandi azionisti, o promotori pagati.

Schemi pump and dump

Con il termine Pump & dump (tradotto”pompa e sgonfia”) ci si riferisce ad una tipologia di frode che consiste nel far lievitare artificialmente il prezzo di un’azione a bassa capitalizzazione con l’obiettivo finale di vendere titoli azionari acquistati a buon mercato ad un prezzo superiore. Mentre una volta la truffa veniva attuata attraverso telefonate oggi, grazie a Internet, è possibile raggiungere via mail un numero sempre più elevato di utenti in pochi secondi. La tecnica utilizzata consiste nell’inviare milioni di mail con la presentazione di servizi di consulenza finanziaria con cui si fa riferimento a titoli azionari appetibili dal punto di vista della redditività.

Gli organizzatori della frode acquistano in anticipo titoli di piccole società a bassa capitalizzazione con un basso volume di scambio determinando un forte rialzo del titolo. A questo punto interviene il secondo passaggio, infatti l’incauto investitore una volta ricevuta la mail e valutato il rumor o l’offerta si precipita ad acquistare il titolo spingendolo ulteriormente al rialzo.
 Non appena i truffatori vedono aumentare le quotazioni del titolo per effetto degli acquisti si mettono a vendere lasciando la vittima con un pugno di mosche.

A questo punto i titoli si sono sgonfiati come in una mini bolla speculativa garantendo ai truffatori lauti profitti ai danni degli investitori.
 Esiste più di un modo per accorgersi della truffa. on line. Premesso che le mail sono inviate agli utenti da spammer professionisti che sanno bene su quali tasti spingere per ottimizzare l’impatto dello spamming un primo indizio è l’oggetto della mail.

File dai nomi bizzarri sono da evitare così pure mail con pdf e allegati Excel di dimensione superiori fino a tre o quattro volte al file di testo.
 Tali file, inoltre, utilizzano molto spazio di memoria sul server e anche se intercettati e messi in quarantena potrebbero intasarlo fino a che non vengono cancellati. In questo caso è meglio utilizzare software in grado di bloccarli prima che raggiungano il server.
 Il metodo di protezione più efficace però è quello di usare il buonsenso ricordandosi che niente viene regalato e che la truffa on line è dietro l’angolo.

Spam

“Spam” – la posta indesiderata – è spesso utilizzato per promuovere programmi di investimento fasulli o per diffondere false informazioni su una società attraverso un programma di posta elettronica di massa. 
Per definizione lo spam viene inviato senza il permesso del destinatario ed è un comportamento ampiamente considerato inaccettabile dagli Internet Service Provider (ISP) e dalla maggior parte degli utenti di Internet. Mentre questi ultimi trovano lo spam fastidioso e con contenuti spesso offensivi, gli ISP vi si oppongono anche per i costi del traffico generato dall’invio indiscriminato.
 Molte truffe utilizzano lo spam per raggiungere potenziali vittime.

The history of Calogero Boccadutri is a story of determination and hard work